Viaggio in Quebec con Gemma e Filippo

Viaggio in Quebec con Gemma e Filippo

Inizio delle danze dall’aeroporto di Falconara
Arrivo dopo 10 ore di volo nella città di Montreal

Il volo è lungo e con qualche scalo, ma è bello viaggiare con la Canadian ti danno tanti bei giochini e il tempo vola veloce come l’aereo.

All’arrivo in città siamo stati accolti con tutti gli onori, al suono della banda musicale e allo sventolare di bandiere poi abbiamo scoperto che la festa non era proprio in nostro onore, ma il tutto era in occasione del Canada Day festeggiato il 1 Luglio di ogni anno e allora ci siamo uniti alla folla con le nostre bandierine a gridare W il Canada.

Mentre i miei mettevano a punto l’itinerario sono andato dal barbiere di Montreal per dare una spuntatina ai capelli.

Percorso definito, ma prima di lasciare Montreal un salto al luna park  LA RONDE è obbligatorio.

Sempre a Montreal  da non perdere il Biodome, un mondo incantato tutto da scoprire, un parco che ci presenta le varietà di flora e fauna presenti in questo paese.

Dopo aver noleggiato un auto presso l’agenzia Pelletier (la meno cara tra quelle da noi esaminate) ci lasciamo alle spalle Montreal per raggiungere le successive mete del viaggio prefissate percorrendo autostrade in mezzo a interminabili e fatate foreste.

Tanti sono i parchi e tutti coloratissimi guarda Filippo, uno scoiattolo.

Tanti sono gli animali che si possono incontrare, immancabile è l’orso Yoghi, ma dovè Bubu ? E il ranger dalla giubba rossa per non parlare dell’emozionante incontro con daini, caprioli, foche, orche marine, delfini e tanti altri nel parco MARINE LAND di NIAGARA

Visita della città di Toronto, in Ontario, per vederla meglio siamo saliti in alto e da quassù è veramente uno spettacolo ma anche a piedi non è così male.

Poi una sosta per mangiare, guardate il menù per i piccoli (nella foto) un vero cliente del pub canadese pronto per mangiare la famosa coda di castoro  e la frittellona dolce con sciroppo d’acero, non molto caro, considerando che il dollaro canadese era sulle 1200 lire.

Tadoussac un fiordo in fiore

La bella costruzione (nella foto) è il nostro albergo

L’incontro più bello ed entusiasmante è avvenuto proprio qui a Tadoussac nel Golfo di San Lorenzo, quando è spuntata fuori non credevamo ai nostri occhi, era grandissima.

L’antica chiesetta di Tadoussac rinchiude in se tutta la storia delle colonizzazioni missionarie dei secoli passati mentre fuori le scalette sono per noi piccoli un momento di piacevole relax.

Da meraviglia a meraviglia la nostra visita alle cascate del Niagara e il suo arcobaleno non li dimenticheremo mai.

Compresa l’inevitabile a doccia che si fa per andare nel terrazzino posizionato all’interno della valanga d’acqua.

Per dormire e mangiare nella zona del Niagara vi sono bellissimi Bed and Breakfast a costi accettabili.

Visita di Quebec Ville l’unica città fortificata di tutto il Canada.

Cambio della guardia.

Gli stessi animali utilizzati per la difesa non scherzano, a parte tutto è una città che merita di essere visitata per capire meglio la regione Village des Hurones riserva indiana di Wendake.

Un tipico accampamento di indiani vicinissimo alla città di Quebec è senza dubbio un buon esempio di come vivevano i primi abitanti di queste terre.

Proviamo il trucco, chissà che non trovi un bel indiano alle danze della questa sera.

Giocare agli indiani è bellissimo, ma chissà come doveva essere questo paese quando vi erano solo indiani nativi ?????

Siti Visitati:

  • Ristoranti
  • National Gallery

Attenzione:
Non gettate gli scontrini degli acquisti fatti su beni non di consumo, come vestiti, souvenir ecc… alla partenza potrete richiedere il rimborso della tassa governativa.

Nessun Commento Disponibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *